Concentrarsi sulla strategia Floating flop

Su Poker Texas Hold’em Come in qualsiasi altro gioco di casinò, tutte le strategie hanno le loro parate. Il floating è un altro modo efficace per contrastare la strategia della continuazione della scommessa. Floating è un termine che significa “galleggiare” in italiani, poiché il principio è semplice. L’idea è semplicemente quella di contrastare i giocatori che usano molto spesso le puntate di continuazione seguendo la puntata al flop per avere informazioni a minor costo al turn.

Floppare il flop: un’opportunità che può essere colta

Per eseguire questo tipo di azione, non è necessario avere una mano eccellente, motivo per cui questa tecnica è considerata più un bluff che un strategia del poker. Quindi, come ogni bluff, è importante avere a disposizione la situazione migliore e un giocatore di qualità per avere la massima possibilità di successo. D’altra parte, sarebbe più saggio dire che è sempre importante avere la posizione. Si richiede semplicemente di fare check-call sul flop per puntare dopo il check degli avversari, altrimenti il giocatore corre verso la sua perdita e il river. Infatti, il galleggiante richiede una posizione reale che dà l’opportunità di sfruttare adeguatamente le debolezze presenti alla svolta.

Il galleggiante in una partita di poker uno contro uno

Per utilizzare il galleggiante È meglio essere heads-up, in altre parole, a testa alta. Infatti, non è possibile utilizzare questa strategia contro 3 o più giocatori. Se il terzo giocatore sceglie di chiamare la puntata sul flop, è perché ha una mano eccellente e sa cosa sta facendo. È meglio cercare di eliminare questo tipo di giocatore. Tuttavia, far fuori un giocatore che ha un gioco giustificato e corretto è molto difficile, soprattutto ai limiti inferiori. Tuttavia, è possibile chiamare il preflop dopo ogni giocatore. Se il giocatore chiama, rilancia o ripiega al flop su rilanci, andare in heads-up è una grande opportunità per applicare questa procedura.

La scelta degli avversari da far galleggiare

Quando si tratta di galleggianti avversari Idealmente, si vuole andare per quelli che non amano la resistenza e quindi evitare le stazioni di chiamata. I giocatori che tentano di galleggiare dovrebbero anche essere in grado di far cadere la loro mano media. Se questo non è il caso e quest’ultimo si innamora del suo gioco, è probabile che il tasso di fallimento aumenti notevolmente, rendendo così l’azione del galleggiante molto meno redditizio.

I giocatori larghi sono molto meno interessanti quando si tratta di floater, poiché la loro gamma di mani rimane più aperta. Quindi, sono molto meno leggibili e possono colpire molti flop rispetto ai giocatori stretti. D’altra parte, questi giocatori sono molto meno propensi a lasciar andare la loro giocata e quindi potrebbero pagare la puntata al turn.
Così è possibile rilanciare con un AS di picche e un deuce di picche il flop è quindi il 3 di picche, il 4 di quadri e il 10 di fiori. Anche se può sembrare che non esista una cosa come il belly flop, ad un esame più attento diventa chiaro ciò che segue:

  • Un superamento massimo,
  • Un disegno a colori da dietro,
  • Un pareggio con 4 o 5 carte.

Fondamentalmente, mentre il giocatore pensava di avere una brutta mano, il giocatore finisce con una mano non così brutta che merita anche un heads-up float.

Su quale tipo di flop floater?

Come detto in precedenza, i giocatori interessati a galleggiare tenteranno questa mossa più spesso contro i giocatori stretti che contro quelli larghi. Tra le carte che tengono più spesso ci sono gli Assi, che ti permettono di rilanciare con l’Asso-King, l’Asso-Queen, l’Asso-10 e l’Asso-Jack. Questo significa che il flop con una carta Asso è meno interessante, poiché l’avversario avrà spesso la coppia migliore, che può facilmente scartare. Questo vale anche per il Re flop.

D’altra parte, il flop che mostra un Jack o una Regina come carta significativa sarà molto più vantaggioso per il piano di gioco. Infatti, è molto improbabile che l’avversario abbia questo tipo di carta e quindi penserà che il giocatore di fronte la possieda. Allo stesso modo, il flop che mostra carte medie come 10 e 9 sarà leggermente spaventoso per il giocatore, soprattutto se sono collegate. Così, è possibile per lui considerare una scommessa sul flop. Tuttavia, quando il giocatore chiama la sua scommessa, un secondo giro di puntate si verificherà raramente.

I flop con carte basse sono considerati ottimi candidati per il flop, dato che l’avversario non vuole rilanciare dopo tali carte e tenderà a mancare il flop.
Quando si tratta di flop con un flush draw, è importante sapere che quando il flush draw è abbastanza connesso, i partecipanti diventano più cauti e schizzinosi. È quindi interessante approfittare di questa paura per puntare sul turn e sul flop se la carta seguente completa la scala.

Questo è anche il caso di un flush draw. Il giocatore paga quello che viene chiamato il “scommessa di continuazione La puntata di continuazione dell’avversario porta ad una carta del terzo seme.

Pochissimi giocatori scommettono appena appare la carta, il che rende possibile approfittarne per strappare il piatto con ottime puntate. Tuttavia, rappresentare correttamente un vestito non è certamente ovvio. Sarà quindi interessante galleggiare sul flop tricolore. Anche quando il giocatore non è sul pareggio, il flop che offre diversi pareggi interessanti è da floppare.

Quindi, considerare questi consigli ed essere consapevoli di queste caratteristiche è interessante per tutti i giocatori che desiderano galleggiare in una partita di Texas Hold’em Poker. L’ideale è assistere a una partita dal vivo per vedere quanto sia utile e pratico galleggiare.